• iLAviaggiatrice

ROTA VICENTINA: LA DESTINAZIONE NATURALE PIU’ SPETTACOLARE DEL PORTOGALLO





Idee per un viaggio a piedi, completamente immersi nella natura selvaggia.

La costa portoghese offre uno dei trekking più spettacolari al mondo. Si chiama Rota Vicentina.

Un cammino che attraversa la Riserva Naturale incontaminata, con paesaggi davvero mozzafiato.


La Rota Vicentina è una realtà nata ne 2013 ed attualmente è uno dei percorsi più belli e affascinanti d’Europa.

Copre un’ampia zona del sud del Portogallo, tra le regioni dell’ Alentejo e dell’ Algarve, offrendo una rete di percorsi pedestridi circa 750km, per scoprire alcuni degli angoli più pittoreschi, autentici e selvaggi del Portogallo.

Dal 2019 l’ associazione della Rota Vicentina ha investito per ampliare la rete creando anche una serie di piste ciclabili per BTT e arricchendo l’offerta turistica con diverse attività sportive, culturali e legate al benessere.

Tra le varie possibilità, vi sono lezioni di stand up paddle; yoga; escursioni a cavallo nella natura; massaggi ayurvedici; kayak; canoa; passeggiate in bicicletta e gite in barca. Un progetto comunitario nato dalla volontà della gente e delle autorità locali, imprese e attività commerciali, che credono nel futuro e nel turismo sostenibile di questa regione, che è a tutti gli effetti un’opera d’arte naturale.

Esistono due sentieri: il “cammino storico” che attraversa le zone più interne e remote dell’Alentejo, senza approssimarsi alla costa, e il “sentiero dei pescatori” che, al contrario, corre sempre lungo la costa atlantica. Questo, in totale, è lungo 226,5 km, mentre il primo è lungo 263 km.

Io personalmente, amando l’oceano, preferisco il sentiero dei pescatori.

Ed è lungo questo cammino che organizzo e accompagno i miei viaggiatori viandanti, facendogli sperimentare la pura essenza del Portogallo, dei suoi paesaggi e della sua gente.

La natura selvaggia e incontaminata; l’ eccellente gastronomia locale e i suoi ottimi vini; le attività a stretto contatto con la natura e a basso impatto ambientale, sono il giusto mix per un viaggio che è benessere puro per il corpo e per l’anima.

Il viaggio lungo il “trilho dos pescadores” si caratterizza per la costante presenza dell’oceano Atlantico. Il suo incessante dolce suono ci accompagna per chilometri e chilometri, ogni giorno, rigenerandoci e scacciando via ogni preoccupazione, pensiero ed energia negativa.

Un viaggio intenso, a piedi, lungo le alte scogliere portoghesi, di circa 75km, diviso in 4 tappe. Inizia nel caratteristico Porto Covo, un piccolo paesino di pescatori, dove la vita scorre lentamente. Passa per la stupenda località di Vila Nova de Milfontes (chiamata la principessa dell’Alentejo), segue per Almograve e Zambujeira do Mar, fino a raggiungere l’ultima tappa a Odeceixe. Un’esperienza straordinaria, fisicamente abbastanza impegnativa ma alla portata di qualsiasi camminatore. Non si superano mai i 20 km al giorno; tuttavia, per molti tratti si cammina tra le dune, e la sabbia rende ovviamente il cammino un po' più faticoso.

Il paesaggio che vi circonda è così scenografico che ripaga ogni sforzo fisico, colmando il cuore di energia e la mente di ricordi indelebili. VALE LA PENA.

Un panorama dominato essenzialmente dai miei tre colori preferiti: il blu del mare; il giallo delle dune di sabbia; il verde della vegetazione lussureggiante.

Lungo il tragitto, rocce sedimentarie (prevalentemente arenarie o di scisto) cadono a picco nell’oceano e sialternano a calette e a spiagge vergini, molte delle quali inaccessibili, testimoniando quanto la natura incontaminata possa essere fatalmente perfetta e bellissima, nella sua semplicità.

Il paesaggio non stanca mai; ogni giorno appare diverso, grazie ai giochi naturali di luce che creano sfumature di colori differenti. Le morbide dune di sabbia su cui si cammina, ricoperte ai lati da cespugli di piante grasse resistenti al sole e al vento, cambiano forma e colore a seconda della luce, così come l’intensità dell’azzurro dell’oceano. Sole e nuvole possono cambiare e rimodellare il panorama più volte durante la giornata, stupendoci e lasciandoci senza senza parole.

Quando andare

Al contrario di quel che vi propongono le agenzie viaggi, i mesi in cui è meglio EVITARE la Rota Vicentina, sono quelli estivi. Luglio e Agosto in particolar modo. Motivo? Troppo caldo. Camminare per più di 20 km sulla sabbia, sotto il sole e il caldo torrido, senza alcun riparo, non vi permette di godervi il viaggio, che diventa troppo stancante e faticoso.

Evitate, se potete, i mesi dove le temperature sono troppo elevate. I mesi migliori per godervi questo viaggio a pieno sono da fine settembre a fine maggio.

E’ un viaggio che ben si presta nei mesi invernali: quando a dicembre nevica nel resto d’Europa, qui il sole e il clima mite riscalda le vostre giornate e vi permette di fare piacevoli camminate con 16 gradi. Non si suda, non si incontrano molti turisti, e quel paradiso naturale è tutto per voi.

Da sapere

-E’ abbastanza impegnativo.

A tratti si cammina sulla sabbia (il che rassoda e tonifica, guardate il lato positivo!) e in media sono dai 15 ai 20 km al giorno, quindi un impegno di 4-5 ore al giorno.

E’ preferibile iniziare a camminare al mattino, tra le 8 e le 9, per evitare le ore più calde, e avere tempo a disposizione all’arrivo in paese per riposarsi, fare altre attività, godersi la spiaggia e fare un bel bagno al mare!

-Non ci sono molti posti dove dormire. Pochi alojamentos local e di piccole dimensioni: spesso sono case private con una o due stanze a disposizione, per cui è impossibile viaggiare con gruppi numerosi.

-Se soffrite di vertigini (come me!!) state tranquilli, che nonostante le altezze, il percorso non presenta difficoltà. In questo tratto il sentiero non presenta grandi dislivelli né dirupi o discese ripide che possano creare problemi (e se ve lo dico io, credeteci!!)

-Dovete SEMPRE avere con voi almeno 1,5 l di acqua, perché lungo il percorso sono pochissimi i punti di ristoro. Potete camminare più di 10 km in mezzo alla natura senza incontrare nessuna struttura di appoggio (scordatevi i bar e anche le fonti d’acqua). Capiterà quasi sempre di dover percorrere 15-20km prima di raggiungereil paese successivo, per cui: zaino in spalla con frutta, riserva di acqua e almeno un panino, è obbligatoria.

- Consiglio inoltre di aver sempre con voi nello zainetto: occhiali da sole, bandana, crema solare, macchina fotografica, giacca a vento, un costume da bagno, un cambio leggero. Viaggiate leggeri: il percorso è lungo, lo zaino non può essere un elemento di disturbo.

-Vestitevi a cipolla, causa vento. Siamo sull’ atlantico, non si sa mai che può succedere…!

- E’ proibito il campeggio libero e il camperismo. Siete in una riserva naturale. Ovviamente, è vietato lasciare rifiuti lungo il cammino, sia plastica che altri imballaggi. Anche i fazzoletti di carta, sarebbe bene non gettarli a terra per evitare di disseminare il sentiero.

- Attenti alla segnaletica! Il cammino della Rota Vicentina è caratterizzata dai segni di colore azzurro e verde.

Trovate questi segni colorati su paletti di legno, sassi, alberi… aguzzate la vista per non perdervi!

Normalmente i sentieri sono ben segnalati; tuttavia in molti tratti i segni sono o nascosti, o poco visibili o mancano. Aguzzate quindi la vista per non perdervi! Evitate inoltre di uscire dal cammino e di allungare di chilometri un percorso già di per sé impegnativo!! Se non siete sicuri o pratici di percorsi trekking, meglio unirvi a un gruppo.

Clima

La Rota Vicentina beneficia di un clima oceanico con temperature miti tutto l’anno.

In inverno non si scende mai al di sotto degli 11 gradi, mentre in estate le temperature salgono sino ai 30 gradi di luglio e agosto (quando è sconsigliato camminare!!) In estate il caldo è secco e le giornate sono sempre un po' ventose. La sera le temperature si abbassano, è sempre bene avere una maglia leggera con voi, per ripararvi dal “freddo”.

La primavera, grazie ai colori, alla fioritura e alle giornate che si allungano, è sicuramente il periodo più bello.

Anche l’autunno non delude; il vento vi potrà fare compagnia, sempre meglio percorrere il tragitto da Nord a Sud, per non dover faticare controvento.

La mia Rota Vicentina


Se ti sei incuriosito e non vedi l'ora di partire, approfitta subito e vieni con me!

Viaggio 5 notti/6 giorni per percorrere circa 75 km a piedi lungo il sentiero dei pescatori, da Porto Covo a Odeceixe. (Possibilità estensione 2 giorni + notte a Lisbona/Faro)


Vieni con me! viaggio piccolo gruppo 4-8 pax


Partenze guidate 2021


24-29 maio

13-18 junho

13-18 settembre

10-15 ottobre

Info programma e costi a info@ilatraveltips.com


Viaggi da solo?


Scrivimi per l’organizzazione del tuo viaggio e per ricevere tutte le info utili.

Mi occupo di: prenotazione alloggi per il tuo soggiorno; trasferimento bagagli; transfer da/per aeroporto; prenotazioni attività extra; raccomandazioni dei migliori posti tipici e ristoranti locali dove mangiare.

Partenza possibile tutto l’anno (ma ti sconsiglio i mesi di luglio e agosto!!)

SCEGLI QUESTO VIAGGIO SE:

- ti piace camminare e stare per ore all’aria aperta

- ti incantano i paesaggi selvaggi, le coste infinite, le dune di sabbia, l’oceano e il vento che ti scompiglia i capelli

- sopporti di dover camminare in media 4/5 ore al giorno (sotto il sole, o con il vento..)

ami l’oceano atlantico e il blu dipinto di blu :)

ESPERIENZE EXTRA CHE PUOI FARE

In questa zona si possono fare varie attività sportive oltre che visitare diverse spiagge e altri luoghi di interesse turistico.

Se dopo il trekking ti sono rimaste energie, ecco cosa puoi fare:

- lezione di Yoga (private o di gruppo)

-SUP (stand up paddle) possibilità di farlo in oceano o lungo il fiume Mira

- kayak

- escursione a cavallo

- giro in barca

- bird watching

- canoa lungo il fiume Mira

-surf. (ci sono scuole di surf che offrono lezioni individuali e di gruppo sia per adulti che per bambini e per ogni livello di preparazione, dai principianti agli esperti. E’ possibile noleggiare l’attrezzatu