top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreILAviaggiatrice

Le feste popolari più importanti alle Azzorre

Le tradizioni popolari sono parte intrinseca della vita alle Azzorre. La maggior parte delle feste sono di carattere religioso, e le radici risalgono all’epoca del popolamento delle isole, quando la gente si appellava a Dio per chiedere grazie e aiuto divino, per poter sopravvivere alle intemperie e riuscire ad affrontare le avverse condizioni di vita isolane. Oggi la memoria di quei tempi difficili è ancora viva e le feste popolari sono motivo di ritrovo con amici e parenti, che sfilano per le strade delle cittadine, in colorate processioni, rendendo omaggio ai Santi locali e alla Madonna. Vediamo alcune delle feste popolari più importanti alle Azzorre.


Canti popolari, musiche tradizionali, fiere agricole, banchetti di prodotti tipici e bancarelle dove mangiare una bifana (bistecchina di maiale) accompagnata da un fino (birra alla spina) sono i protagonisti di tutte le feste. Qui dove la gente ancora oggi è molto praticante e la religione cristiana riempie la vita delle piccole comunità isolane.



Festa dello spirito santo


Un ragazzo portando una croce in processione
Processione


Si celebra su ogni isola dell’arcipelago, ogni domenica nelle sette settimane dopo la Pasqua.

Risale ai tempi in cui si invocava lo Spirito Santo in protezione, durante le catastrofi naturali frequenti tra il XV e il XVII secolo (terremoti e eruzioni vulcaniche) .


Il protagonista principale della festa è l’Imperatore, che durante la messa viene incoronato e poi, accompagnato dalla sua consorte, apre la processione trasportando i simboli dello Spirito Santo: la corona, la colomba e lo scettro.


La festa si celebra in tipiche strutture religiose costruite accanto alle chiese: gli Imperios.

La sera, musica delle bande e filarmoniche, cena per le strade delle freguesias con tutta la gente che anima l’isola, bevendo il vino locale e mangiando i piatti tipici: la zuppa dello Spirito Santo, pane e spezzatino di carne. Una sorta di sagra popolare, ove vale la pena infiltrarsi e percepirne il folklore!


E’ interessante parteciparvi, per comprendere le tradizioni locali ed essere coinvolti dalla gente, che in questa occasione mostra tutta la sua gentilezza e ospitalità, offrendo cibo, bevande e un caloroso benvenuto, a qualsiasi straniero.



Festa di Santa Maria Maddalena


È una festa della propria città di Madalena (isola di Pico), si celebra il 22 luglio, anche se la manifestazione dura una settimana. Diversi eventi culturali, presentazioni di nuovi libri, conferenze, esposizioni di pittura e foto, concerti e workshop musicali, vengono realizzati per l’occasione.


Vengono allestiti banchetti nel centro della città con la fiera artigianale ove si possono comprare prodotti tipici e tante idee regalo per i visitatori dell’ isola.


Festa del Senhor Santo Cristo dos Milagres


Questa festa si celebra sull'isola di São Miguel, precisamente a Ponta Delgada, ed è una delle più importanti delle Azzorre. Si festeggia la quinta domenica dopo Pasqua, e dura sette giorni.


In questi giorni la città si copre di fiori e si organizzano attività per adulti e bambini e concerti all'aperto. Nelle case, la gente stende sulle finestre lenzuola bianche con fiori e ornamenti, e le strade vengono decorate con fiori e tappeti colorati. È un evento che attira molte persone, sia locali che turisti.


Dal punto di vista religioso si svolgono processioni, messe e pellegrinaggi. I pellegrini fanno una promessa e camminano inginocchiati fino alla statua del Cristo, dove offrono in dono una candela.


Festa de São João


Gente festeggiando per strada la notte di San Giovanni
Feste di Sao Joao a Terceira

Il giorno di San Giovanni è festeggiato in tutte le isole dell’arcipelago, ma è sull’Isola di Terceira che la tradizione è più sentita e dura ben due settimane, con sfilate, spettacoli, corride di tori, concerti, sagre e tante attività culturali. Il momento culminante è senza dubbio lo spettacolo pirotecnico del giorno di San Giovanni sulla baia di Angra do Heroísmo, città patrimonio dell'umanità. È spettacolare!


E’ l’evento dell’anno in cui tutti gli isolani si rincontrano, cenano, cantano, bevono e ballano insieme fino alle prime ore del mattino, ininterrottamente per due settimane! Allegria, aria di festa pura e semplice nell’aria, che riflette la genuinità di questo popolo. Consiglio ai viaggiatori curiosi di pianificare un viaggio alle Azzorre in questo periodo, per immischiarsi con i locali, divertirsi e godersi questi momenti conviviali tradizionali.


Se vuoi scoprirne di più, trovi un capitolo nel mio libro guida AZZORRE, edito Polaris. Lo puoi acquistare online e nelle librerie!



Comments


bottom of page